Il progetto “Biodiversità delle specie orticole pugliesi non da frutto – BiodiverSO VEG” (PSR Puglia 2014-2020, azione 10.2.1 – Progetti per la conservazione e valorizzazione delle risorse genetiche in agricoltura) prosegue quanto già realizzato nel precedente progetto “Biodiversità delle Specie Orticole della Puglia – BiodiverSO”, per contribuire a ridurre significativamente il tasso di erosione della biodiversità delle specie orticole non da frutto della Puglia attraverso azioni di recupero, caratterizzazione, conservazione, registrazione e, in questo caso, anche di valorizzazione delle risorse genetiche autoctone.

Il progetto realizza una serie coordinata di interventi ed attività con specifico riferimento alla specie orticole non da frutto, in particolare per:

  1. la conservazione ex situ e in situ del materiale genetico;
  2. la raccolta di documenti, il recupero di materiale genetico e la caratterizzazione morfologica, attività funzionali all’iscrizione di nuove varietà locali al Registro Regionale delle Risorse Genetiche Autoctone di Puglia e all’Anagrafe Nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare;
  3. la caratterizzazione agronomica e qualitativa di varietà locali, finalizzata alla loro potenziale valorizzazione economica;
  4. la gestione centralizzata di inventari e banche dati per l’integrazione delle informazioni su portali regionali e nazionali;
  5. lo scambio di informazioni tra organizzazioni competenti a livello nazionale ed europeo;
  6. l’informazione, la divulgazione e la formazione presso il pubblico, attraverso la gestione di questo sito web e di social network, la partecipazione ad eventi e convegni, la pubblicazione di materiale divulgativo e l’organizzazione di corsi teorici e pratici.

Le varietà locali principalmente interessate dalle attività di progetto appartengono alle seguenti specie orticole: aglio (Allium sativum L.); batata (Ipomoea batatas L.); cappero (Capparis spinosa L.); carciofo (Cynara cardunculus L. subsp. scolymus (L.) Hayek); carota (Daucus carota L.); cavolo broccolo (Brassica oleracea L. (Gruppo italica)); cicoria (Cichorium intybus L. (Gruppo catalogna)); cima di rapa (Brassica rapa L. (Gruppo broccoletto)); cipolla (Allium cepa L.); fava (Vicia faba L.); finocchio (Foeniculum vulgare Mill.); patata (Solanum tuberosum L.), nonché altre specie del genere Brassica e numerose specie eduli spontanee.

L’obiettivo del progetto è sostenere in modo significativo il processo di tutela e valorizzazione della biodiversità delle specie orticole autoctone regionali, nell’ottica di: supportare le aziende agricole nella produzione, trasformazione e distribuzione di specifiche varietà locali; porre sempre maggiore attenzione alle buone pratiche agricole e alla sostenibilità economica, sociale ed ambientale; tutelare e trasmettere cultura, storia e tradizioni del mondo agricolo, spesso legate alle varietà locali.

Condividi questa pagina