Con l’inizio del nuovo anno sono riprese le attività di monitoraggio delle due prove di consociazione di varietà locali di fava per il consumo fresco con cima di rapa e lattuga, in regime di agricoltura biologica, presso l’Azienda Agricola biologica “Pasquale Ferrara s.s.”, sita in agro di Conversano.
Purtroppo, i danni dovuti agli attacchi della mosca del cavolo (Delia radicum L.) sulla cima di rapa hanno irreversibilmente compromesso lo stato fitosanitario della maggior parte delle piante della brassicacea. I danni sono stati particolarmente gravi anche in considerazione dell’impossibilità di utilizzare agrofarmaci registrati contro questo insetto ed ammessi in agricoltura biologica.
La lattuga e la fava, invece, non mostrano segni di fitopatie pur avendo verificato uno stentato accrescimento delle piante di lattuga. Le piante di fava provenienti dalla semina contemporanea al trapianto della lattuga presentano già i primi fiori, mentre quelle risultanti dalle semine posticipate mostrano una taglia inferiore e l’assenza di fioritura. Sarà pertanto interessante monitorare il decorso colturale per valutare gli effetti dell’epoca di semina sulla produzione di entrambe le specie consociate.

Azioni

INT. RGV10

Condividi questa pagina